Nome utente:  
Password:  
Iscriviti 
Oggi è lun 14 ott 2019, 13:44

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]



Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
  Stampa pagina Precedente | Successivo 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: recensione RIG EXPER IT-24... by Fabio82
MessaggioInviato: mer 3 giu 2015, 20:00 
Non connesso
Moderatore
Avatar utente

Iscritto il: mar 22 apr 2008, 19:00
Messaggi: 1475
RECENSIONE RIG EXPERT IT-24
Immagine

Il mondo del wifi mi ha da sempre affascinato e sono oramai anni che mi cimento nell'autocostruzione di antenne cercando di utilizzare qualsiasi materiale mi passi tra le mani. Anche se da un lato reperire materiale per autocostostruire può essere un ostacolo sormontabile dalla nostra fantasia, molto spesso non è altrettanto facile ricevere delle conferme sperimentali della nostra opera una volta compiuta. Il limite in questo caso è spesso il costo di questi apparecchi.

Navigando il mare infinito di internet, qualche mesetto fa mi imbattei in questo allora sconosciuto tester multifunzione, il quale in grado di fungere da analizzatore di spettro per il range di frequenze 2,3 GHz - 2,6 GHz, misuratore potenza di picco e rosmetro o SWR meter qual si voglia chiamare.
l'oggeto misura 164 x 79 x 30 mm e presenta due connettori uno sma-rp ed uno sma entrambi femmina. presenta un grazioso display a colori ed un tasterino multifunzione per garantire un'efficace navigazione. nella scatola sono contenuti un cavetto con connettori rp-sma-male - sma-male, un antennino standard da 2 dbi rp-sma, batterie e manuale di istruzioni.

in questa recensione testerò per voi tutte e 3 le modalità nelle rispettive varianti cercando di fornire un giudizio obiettivo.

SWR METER (ROSMETRO)
Questa modalità è diciamo quella che più mi ha spinto verso l'aquisto di questo oggetto in quanto mia principale esigenza. Inoltre, trovare sul mercato rosmetri in grado di misurare le onde stazionarie su quelle frequenze è davvero difficile e dispendioso a meno di qualche cineseria dal dubbio funzionamento.
Per fare questa misura il tester si serve del connettore rp-sma posto alla destra guardando il dispay.
lo strumento è ingrado di eseguire misure di ros a frequenza fissa o di graficare il trend in funzione della frequenza il che, ad esempio, potrebbe essere molto utile per eseguire una diagnostica al fine di scovare eventuali errori di adattamento commessi in fase di costruzione.
Qui di seguito inserirò degli screenshoot eseguiti proprio con il rig expert per illustrarvi queste due diversi modi di misurare il ros su di qualsiasi carico.

in questo esempio di utilizzo grazie alle misure effettuate sono riuscito a minimizzare il ros di un'antenna elicoidale agendo sulle dimensioni della striscia metallica posta alla fine della spirale che ha proprio la funzione di adattare l'impedenza dell'antenna ai classici 50 ohm del sistema.
questa è l'antenna al fine dei lavori:
Immagine

Immagine
questi invece sono i risultati prima dell'ottimizzazione. per semplicità ho messo quattro screenshoot in un'unica immagine.
due li ho effettuati in modalità grafica e due a frequenza fissa (comunque selezionabile nell'intervallo 2,3 - 2,6 GHz a step di 10 MHz).
Immagine
dopo questa procedura in effetti il rendimento dell'antenna è migliorato!

PEAK POWER
In questa modalità il connettore da utilizzare è l'sma alla sinistra guardando il dispay.
tutto quello che si deve fare è semplicemente collegare il nostro dispositivo, che sia router, dongle usb o qualsiasi altro dispositivo, e leggere il valore riportato. ovviamente il dispositivo sotto misurazione deve emettere e quindi bisogna assicurarsi che per esempio ci sia un trasferimento dati in corso durante la misura. nel caso di un router ad esempio è sufficiente il beaconig dell'Access Point che ne annuncia la presenza al resto del mondo!
ho eseguito diverse misurazioni ve ne posto giusto qualcuna...

Immagine
considerate sempre una piccola perdita di 1 max 2 db dovuta al cavo.

ANALIZZATORE DI SPETTRO
questa è secondo me la modalità più "intrigante" e se vogliamo per certi versi divertente del tester. infatti grazie a questa modalità siamo in grado di scansionare tutto lo spettro delle frequenze che va da da 2,3 a 2,6 GHz. ovviamente è possibile monitorare quasiasi device emetta RF in quel range a prescindere del protocollo utilizzato. infatti anche un fornetto a micronde darà una chiara evidenza durante la misurazione.
gli utilizzi pratici possono quindi essere molteplici come ad esempio scegliere il canale su cui impostare il proprio router, trovare interferenze, scoprire sorgenti RF sconosciute, semplice curiosità e così via...
questa modalità offre 3 possibili rappresentazioni dello spettro delle frequenze. In esse è possibile selezionare lo span (100, 20 e 10 MHz) ed il centro frequenza.

la prima rappresentazione, chiamata "peak and average levels", è utile ad esempio per capire se siamo di fronte ad impulsi di RF discontinui o RF continue e costanti nel tempo. molto utile ad esempio per vedere segnali tipo frequency sweep. il tester utilizzerà il colore rosso per graficare i valori di picco ed il blu per graficare i valori medi.

la seconda rappresentazione si chiama "density graph" e consente di rappresentare le intensità rilevate come puntini colorati su uno sfonfo bianco. l'acquisizione necessita di qualche minuto per raccogliere un numero sufficiente di dati. tante più volte una rf viene rilevata tanto più il colore utilizzato per rappresentarla si spingerà verso il rosso.
con questo possiamo evidenziare la frequenza con cui i segnali si ripetono nel tempo o per esempio possiamo distingure un access point in trasferimento dati da un router in semplice beaconing il quale emette segnali intervallati e non costanti. personalmente trovo questa rappresentazione tra le più utili e significative.
l'ultima rappresentazione si chiama "waterfall" e per chi è del mestiere sa già di cosa sto parlando. per chi non lo fosse si tratta di una modalià che riesce rappresentare in maniera grafica le intensità coi colori metre frequenze e tempo vengono graficate ed aggiornate in continuo. anche qui all'utente viene data la possibilità di selezionare la velocità di scorrimento tra fast, slow e medium. anche questa è una rappresentazione molto significativa che riesce a dare un gran numero di informazioni soprattutto per scovare interferenze che si sovrappongono ad esempio al canale che stiamo sfruttando.
di seguito ho realizzato piccoli scenari per capire meglio come queste rappresentazioni vengano visualizzate all'utente.


density graph
qui appare evidentissimo come un trasferimento dati implichi una presenza quasi costante del segnale rappresentata da un rosso intenso.
Immagine

peaks and average levels
in questa modalità invece è possibile scovare picchi che probabilmente durano frazioni di secondo come il frequency sweep o capire l'intensità media di essi.
Immagine

waterfall
infine il classico waterfall che fornisce informazioni riguardanti ampiezza di banda, variazione di intensità nel tempo, frequenza del susseguirsi delle emissioni nel tempo.
notare come la larghezza di banda nel mio caso rispecchia perfettamente i 20 mhz previsti dal protocollo wifi e di come sia stretta nel caso della sorgente sconosciuta che probabilmente dovuta ad un sistema di video sorveglianza presente nei paraggi!
Immagine

COCLUSIONI
LATI POSITIVI:
E' molto piccolo, compatto e manegevole.
Ha ben 3 utili funzioni.
ha una autonomia fantastica!!! lo uso da 3 settimane intensamente ed ho solo scaricato un quarto di batteria. spettacolo!
Alimentato da 4 batterie ministilo.
avendo connettori sma non necessita di adattatori nella stragrande maggioranza dei casi
facile ed intuitivo.
piacevole display a colori.
possibilità di scattare screenshoot se collegato ad un pc windows.

LATI NEGATIVI:
avrei preferito una maggiore possibilità di configurare lo span e il centro frequenza. infatti anche se copre abbondantemente tutto lo spettro si può scegliere solo tra le configurazioni possibili di range impostate.
la scala dei decibel è poco chiara... non si capisce come è stata graduata e da che valore parta a quale finisca.
non esiste un software che consenta di utilizzarlo da pc in modo da acquisire i dati in maniera completa come adesempio esportarli in csv o di eseguire misurazioni da pc stesso.
non c'è modo di estrapolare l'intensità dei picchi dai grafici, lasciandone così solo la possibilità di intuirne il valore. questa credo sia una grave mancanza!! e qui mi viene uno spontaneo "MA PERCHE'????????"
Il range è limitato alle frequenze dei 2,4 GHz. niente 5,8. peccato! e magari in futuro questo peccato lo sarà ancora di più!!!

Conclusioni personali
Ad essere sincero non sono un esperto in quanto ad analizzatori di spettro; non è che me ne passino a centinaia tra le mani. parlo da piccolo amatore che spinto da una forte passione ha voluto affrontare questa spesa semplicemente per piacere personale. Infatti questo è un tester particolarmente indicato a chi con queste frequenze ci lavora. Ma, se la vostra passione è forte, posso garantirvi che con questo piccolo device potrete sperimentare parecchie cose e prendervi piccole soddisfazioni.

il prezzo si aggira dalle 220 (dalla slovenia con sp) alle 280 (dall'italia senza sp) se lo comprate dall'italia. secondo il mio modesto parere, visto quello che può fare, considerati anche i suoi limiti, ha un ottimo rapporto qualità prez


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  




Copyright © 2007 by saverioweb feat. BigDaD.